Le analisi del sangue potrebbero essere un valido supporto nello scoprire in tempo reale come si evolve un tumore che sviluppa resistenza ai farmaci.

E’ quanto affermato dagli studiosi dell’università di Cambridge, la cui scoperta scientifica è stata divulgata e resa nota tramite “Nature”.

Nello studio sono stati analizzati sei pazienti con tumori al seno, alle ovaie e ai polmoni monitorati durante le terapie per uno o due anni tramite analisi del sangue. I ricercatori hanno cercato nello specifico tracce di ctDna, che si forma proprio dai tumori.
Analizzando i campioni prima e dopo le terapie è stato possibile identificare cambiamenti nella concentrazione e nella conformazione del Dna legati allo sviluppo della resistenza ai farmaci chemioterapici: «Questo – scrivono gli autori – dovrebbe aiutare a capire meglio il meccanismo della resistenza, e a sviluppare nuovi farmaci per contrastarla».

Fonte: www.quotidianofarmacia.it

Share