L’AMD ha rielaborato i dati ISTAT 2012, arrivando alla conclusione che dal 2011 il numero di diabetici è aumentato di circa 300 mila unità, sfondando la soglia dei 3 milioni di pazienti. Ma i dati potrebbero essere ancora peggiori nella realtà, poiché molti potrebbero non essersi accorti di essere malati.

18 MAG – Sono i dati ISTAT 2012, analizzati dal Centro Studi dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD), a dirlo: gli italiani con diabete hanno superato la soglia 3 milioni, arrivando a oltre 3.268.000 individui, con una percentuale del 5,5% sulla popolazione nazionale. La barriera è stata dunque superata proprio quest’anno: erano poco più di 2,9 milioni secondo i dati 2011, con una percentuale del 4,9% nel 2011. Negli ultimi vent’anni la prevalenza è salita di oltre il 60%, nel 1993 era del 3,4%.

Nel complesso, secondo i dati ISTAT rielaborati da AMD, vivono al Nord poco più di 1.100.000 persone con diabete, al Sud poco meno dello stesso numero e al Centro circa 1 milione. AMD-Associazione Medici Diabetologi ha infatti stilato la classifica delle Regioni italiane per numero di persone con diabete, evidenziando quanto questa malattia cronica sia un problema sociale gravoso nel Sud, dove è percentualmente più presente, ma veda la popolazione con diabete equamente ripartita tra Nord, Centro e Sud del Paese. La classifica vede al primo posto la Lombardia con oltre 533 mila malati su una popolazione di 9,7 milioni, in linea con la percentuale nazionale; al secondo posto la Campania con oltre 334 mila persone con diabete, ma con una popolazione pari a poco più della metà della Lombardia. La terza in classifica è la Sicilia con 290 mila abitanti con diabete (su 5 milioni complessivi), davanti al Lazio, con 286 mila malati e una popolazione di 5,5 milioni.
La “maglia nera” dell’ISTAT per la percentuale di persone con diabete sulla popolazione totale va invece a Calabria e Abruzzo con una prevalenza rispettivamente del 7,2% e del 7,4%; in termini assoluti, entrambe si trovano “solo” a metà classifica, in quanto Regioni con meno di 2 milioni di abitanti. Risulta, invece, che le “Regione meno diabetica” è la Valle d’Aosta, in fondo alla classifica tanto per numero di abitanti con diabete (poco più di 4.500) quanto per la percentuale di malati più bassa d’Italia: il 3,6%.

Ma la situazione potrebbe essere ancora peggiore di quanto non emerga dalle statistiche. “I casi reali sono probabilmente più numerosi di quelli evidenziati dall’ISTAT”, ha commentato Carlo Bruno Giorda, Presidente AMD. “Si stima, infatti, che ogni 2-3 persone con diabete ce ne sia 1 che lo è senza saperlo e, applicando questa stima, si dovrebbe aumentare del 30-50% il numero dei malati, portando gli italiani con diabete non lontano dalla soglia dei 5 milioni. A Roma – prosegue Giorda – dal 29 maggio al 1 giugno si svolgerà il XIX Congresso Nazionale AMD che, al Marriot Park Hotel, prevede la partecipazione di oltre 2.000 diabetologi ed esperti provenienti dall’Italia e dall’estero, per discutere di quella che anche nel nostro Paese può essere ormai considerata una vera e propria ‘epidemia’, secondo questi dati.”

Fonte: www.quotidianosanita.it

Share