Le donne che sono solite utilizzare il talco sul proprio corpo hanno il 24% maggiori probabilità di sviluppare il cancro alle ovaie. Lo studio

Molte persone usano cospargere il proprio corpo con il talco.
Di solito lo si fa dopo un bagno, una doccia o per rinfrescare un po’ la pelle del corpo. Fin qui, niente di male. Tuttavia, per le donne, l’uso regolare del talco nelle zone genitali potrebbe costituire un rischio per la salute.

Secondo uno studio dei ricercatori del Brigham and Women’s Hospital di Boston (Usa) l’uso del talco potrebbe causare, nelle donne, un’infiammazione nell’organismo che, a sua volta, fa aumentare del 24% il rischio di sviluppare un cancro ovarico.
Lo studio, pubblicato sulla rivista Cancer Prevention Research, è stato condotto su un gruppo di donne che sono state interrogate circa l’utilizzo del talco, la frequenza e la zona in cui era distribuito – con particolare riferimento alla zona genitale.

La dottoressa Kathryn L. Terry e colleghi del Brigham hanno poi analizzato i dati raccolti al fine di valutare l’incidenza e il rischio di cancro epiteliale ovarico nelle donne che utilizzavano il talco e in quelle che non lo utilizzavano. Nelle analisi sono stati inclusi 8.525 casi di cancro ovarico e 9.859 controlli.
I risultati hanno mostrato che vi era un moderato aumento del rischio di cancro ovarico nelle varie forme per i soggetti che utilizzavano il talco nella zona genitale, mentre non è stata notata alcuna incidenza per le donne che lo utilizzavano in altre parti del corpo.
In sostanza, concludono i ricercatori, l’uso regolare del talco nelle zone intime può aumentare moderatamente il rischio per la maggior parte dei sottotipi istologici di cancro epiteliale ovarico.

Fonte: www.lastampa.it

Share