Potrebbe essere la nuova speranza per milioni di pazienti affetti da diabete di tipo 2, costretti alle quotidiane punture di insulina per tenere sotto controllo la quantita’ di glucosio nel sangue. E’ l’ormone chiamato betatrophin, scoperto nei topi dai ricercatori dell’Università di Harvard (Usa), in grado di promuovere la crescita di cellule che secernono l’insulina nel flusso sanguigno. La ricerca, pubblicata sulla rivista Cell, ha dimostrato che questo ormone e’ in grado di produrre queste cellule con una velocità 30 volte superiore. Secondo Doug Melton, autore del lavoro, tra pochi anni grazie allo sviluppo delle ricerche sull’ormone, per i malati potrebbe cambiare tutto “bastera’ infatti assumere – spiega al ‘Telegraph‘ – questo ormone una volta settimana o una volta al mese o nel migliore dei casi forse anche una volta all’anno. Dimenticando – conclude – le tre punture al giorno d’insulina a cui oggi sono costretti i diabetici“.

Fonte: www.meteoweb.eu

Share