di Roberta Brunetti
MESTRE – Con l’informatica, che ormai è diventata uno strumento di lavoro anche del medico di base, non andava proprio d’accordo. E così, dopo vari richiami da parte dell’Ulss 12, un medico di famiglia, ormai prossimo alla pensione, è stato sanzionato: un mese di sospensione del rapporto di convenzione con l’azienda sanitaria veneziana.

A prendere la decisione è stato il Collegio arbitrale, istituito a livello regionale, proprio per valutare le eventuali violazioni degli accordi tra aziende sanitarie e medici di medicina generale. Un organismo chiamato a intervenire nei casi più gravi. E tale è stato giudicato quello di questo medico con studio in terraferma, che pare abbia da tempo un cattivo rapporto con computer e programmi informatici.

A giugno il medico era stato richiamato per tre episodi, fino alla decisione di coinvolgere il Collegio arbitrale per “gravi violazioni degli obblighi derivanti dalla convenzione”. Nelle settimane scorse il Collegio ha esaminato il caso e ha deciso per la sospensione della convenzione per un mese.

 

Fonte: ilgazzettino.it

Share