New York, 01 ott – Il piano di rilancio di Merck, il colosso farmaceutico americano, focalizzato sul fronte commerciale e su ricerca e sviluppo, passa anche per il licenziamento di ulteriori 8.500 dipendenti con l’obiettivo di risparmiare circa 2,5 miliardi di dollari all’anno entro la fine del 2015. Come riporta il Wall Street Journal, i nuovi esuberi, insieme ai 7.500 gia’ annunciati, potranno complessivamente fare calare la forza lavoro globale della societa’ americana quasi del 20% a 81.000 dipendenti. I costi di ristrutturazione stimati si aggirano tra i 2,5 e i 3 miliardi di dollari, di cui tra i 900 milioni e gli 1,1 miliardi nel 2013, la maggior parte dei quali saranno iscritti a bilancio nel terzo trimestre. La societa’ ha comunque confermato le stime sui profitti del 2013, escludendo pero’ gli oneri per la ristrutturazione.

Fonte: www.corriere.it

Share