Scioscia: “Lorenzin e Zanonato lavorino insieme per la liberalizzazione del sistema”. L’appello delle oltre 4mila Parafarmacie va dunque ai nuovi ministri del governo Letta affinchè mettano a segno quella riforma che consenta loro di poter vendere i farmaci di fascia C.

Subito una task force per mettere in campo quei provvedimenti che l’Italia aspetta da tempo, soprattutto a favore di giovani, disoccupati e aziende stremate. E’ la richiesta delle Parafarmacie italiane alla squadra di ministri che si appresta a ricevere la fiducia oggi a Montecitorio. “Un governo giovane, pieno di quarantenni e donne è la garanzia migliore per avviare una storia nuova per questo Paese e mettere finalmente in campo quei provvedimenti che l’Italia aspetta da tempo, soprattutto a favore di giovani, disoccupati e aziende stremate”, ha affermato il numero uno delle Parafarmacie, Giuseppe Scioscia. ” Penso ai tanti di noi che quotidianamente lottano contro un sistema che ci penalizza con trattamenti economici differenti e peggiorativi rispetto alle farmacie e che alla lunga ci costringerà alla resa definitiva”.

L’appello delle oltre 4mila Parafarmacie – aperte nel 2006 da giovanissimi laureati a seguito delle liberalizzazioni targate Bersani – va dunque ai nuovi ministri del governo Letta, e nello specifico al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin e insieme al ministro dello Sviluppo, Flavio Zanonato affinché possano lavorare sinergicamente e mettere a segno la riforma delle Parafarmacie consentendo loro di poter vendere i farmaci di fascia C.

Fonte: www.quotidianosanita.it

Share