(ASCA) – Firenze, 23 nov – L’assunzione regolare di aspirina protegge dal cancro. Lo ha dimostrato l’analisi di 8 studi, pubblicata su Lancet, su 23.535 pazienti trattati con il farmaco nelle dosi utilizzate per prevenire eventi cardiovascolari, con una riduzione della mortalita’ per tumori del 34% dopo 5 anni e del 20% dopo 20 anni. I dati emergono dal 30mo Congresso della Societa’ Italiana di Medicina Generale (SIMG) in corso a Firenze. ”Il 2014 – afferma Claudio Cricelli, presidente SIMG – sara’ l’anno della prevenzione cardiologica e oncologica promosso dalla nostra societa’ scientifica. Recentemente numerose ricerche hanno ipotizzato che nella scelta dell’utilizzo dell’aspirina, soprattutto in chi non ha mai avuto eventi cardiovascolari, debbano essere considerati anche i potenziali benefici che potrebbero derivare in ambiti patologici apparentemente distanti da quello delle malattie cardiovascolari. Se, in precedenza, il miglioramento della prognosi era limitato a pazienti con tumore del colon-retto, oggi questi dati estendono i benefici ad altri tipi di cancro, agli adenocarcinomi in generale”. Le malattie cardiovascolari si confermano la prima causa di morte con 224.830 decessi (anno 2009, ultimi dati Istat disponibili). Nel 2013 si stimano in Italia 366.000 nuove diagnosi di neoplasia e 173.000 morti. ”La necessita’ di un periodo di latenza prima che l’effetto protettivo dell’aspirina cominci ad estrinsecarsi indica una possibile interferenza del farmaco con i meccanismi di cancerogenesi – conclude Cricelli -. Sulla base di queste ricerche, nell’elenco dei fattori che dovrebbero essere presi in considerazione nel calcolo beneficio/rischio di una terapia preventiva cardiovascolare con aspirina a bassa dose, e’ necessario annoverare anche gli effetti positivi aggiuntivi in termini di riduzione della mortalita’ per cancro, oltre al calo dell’incidenza delle metastasi”.

Fonte: asca.it

Share